Cosimo D'Elia

Arte Cultura Sport Spettacolo

ORIA-LA PENISOLA DEL TESORO

Fonte Touring club Italiano

Città di Oria

Provincia di Brindisi

Domenica 26 febbraio 2012 a Oria, si festeggerà la 150° Tappa Nazionale della

“Penisola del Tesoro” che vedrà la presenza di circa 500 turisti i quali, nel corso della stessa

giornata, saranno impegnati a visitare tutta la città, con particolare attenzione al Centro

Storico.

In detta giornata è prevista l’esibizione degli Sbandieratori, dei misisci del Corteo

Storico di Federico II, dei Rioni cittadini e di altri gruppi, oltre alla presenza organizzata di

numerosi banchi espositivi per la vendita di prodotti tipici e di artigianato locale.

Si tratta, per tutti noi, di un evento straordinario, sia per la numerosa presenza di soci

del TCI, turisti attenti e qualificati, che saranno accompagnati da Autorità e da guide

specializzate, sotto l’occhio attento di testate giornalistiche e televisive, sia perchè questo

evento è quasi un banco di prova per la nostra città, data la richiesta inoltrata al Touring

Club Italiano, finalaizzata ad ottenere la “Bandiera Arancione“, quale marchio di eccellenza

riconosciuta per l’inserimento di Oria tra le città più belle d’Italia.

Per questa circostanza, dobbiamo tutti sentirci profondamente impegnati ad offrire

l’immagine migliore di Oria, presentando una città accogliente, ordinata e pulita.

L’Amministrazione Comunale profonderà ogni sforzo possibile per l’ordine e la pulizia

straordinaria e chiediamo ai nostri concittadini il medesimo sforzo nel pulire e

nell’imbiancare gli spazi vicini alle proprie abitazioni e nell’esporre,nell’ambito della propria

possibilità, piante e fiori all’esterno, considerato che si tratta di una grande ed  importante

occasione per l’intera città

Siamo certi che non mancheremo questo importante appuntamento, nel mostrare tutto

il nostro proverbiale senso di accoglienza, di ospitalità e di senso civico per le migliori fortune

della nostra comunità

L’Assessore al turismo

Pino Malva

Il Sindaco

Cosimo Pomarico

 

 

 

Tags:

Leave a Reply

*