Cosimo D'Elia

Arte Cultura Sport Spettacolo

ORIA – PASSIONE 2013 –

Pubblicato nella categoria Eventi, Spettacolo il 06/03/2013 da cosimodelia

Comunicato Stampa per la XIX Edizione della PASSIONE

 

 La Sacra Rappresentazione storico-religiosa La Passione introduce di fatto,oramai da anni, i riti della Settimana Santa in Oria e celebra quest’anno la XIX edizione.

 Questo Gruppo rappresenta la Città di Oria  nell’Associazione Europassione per l’Italia ed Europassion, i sodalizi che a livello Nazionale ed Europeo rappresentano le varie sacre rappresentazioni che ogni anno, tra la devozione popolare,si svolgono in molte Città.

La Rappresentazione avrà luogo Domenica delle Palme, 24 Marzo 2013 con inizio alle ore 19,30.

La rappresentazione si terrà interamente nello scenario naturale dell’Istituto dei PP. Rogazionisti-San Pasquale (g.c.) ove si svolgeranno tutte le quattro scene e le quattordici raffigurazioni.    

 I luoghi scelti ben si prestano alla rappresentazione,poiché al pubblico viene offerta la possibilità di ammirare e seguire per intero la sacra rappresentazione.

Attraverso la Sacra Rappresentazione si vuole,anche,incrementare e promuovere il “turismo religioso” viste le potenzialità di cui dispone Oria attraverso i suoi numerosi monumenti ed istituzioni ecclesiastiche, richiamando l’attenzione del turista e/o del forestiero,anche, in un periodo limitato ai flussi turistici di massa.

Alla rappresentazione partecipano circa duecento personaggi,di tutte le età e, sia gli attori protagonisti che le comparse non sono professionisti,essi vengono scelti tra la cittadinanza in modo da avere una larga partecipazione popolare.

        Il testo è stato scritto da Emilio Pinto  a seguito di ricerche e studi su testi della tradizione religiosa locale ed è stato adeguato alle esigenze artistiche della sacra rappresentazione.

       Durante la rappresentazione sarà distribuita gratuitamente una guida illustrata per meglio seguire la rappresentazione.

      I personaggi principali saranno interpretati da Antonio Patisso(Gesù Cristo),Viviana Carbone(Maria),Enzo Carbone(Pietro),Enzo Cozzetto(Giuda),Remo Italiano(Caifa),Fiorenzo De Mauro (Hanna),Enzo Carbone(Giuseppe D’Arimatea),Barsanofio Massa(Nicodemo),

Giuseppe D’Apolito(Comandante Guardie Ebree),Lucio Epifani(Pilato),Annamaria Andriani (Claudia Procla),Goffredo Murani(Centurione),Antonio Agostino(Erode),EmiliaCardone

(Maddalena),Tina Pescatore(la Veronica),Lucio Capodieci(Barabba),Francesco Candita(Narratore) ed, inoltre, parteciperanno le danzatrici di musica orientale della Pro Loco guidati da Barbara Moretto ed i Musici del Gruppo Sbandieratori Rione Lama.

            La rappresentazione è patrocinata dall’Amministrazione Comunale di Oria,dalla Provincia di Brindisi, dalla Regione Puglia,Diocesi di Oria e Radio Vaticana. Media Partners Idea Radio e TeleRama. Inoltre,insieme agli Enti pubblici hanno aderito numerosi Commercianti ed Aziende che con il loro sostegno credono all’ iniziativa quale veicolo di promozione delle loro attività commerciali e della Città.

           Per eventuali informazioni sull’organizzazione sono a disposizione i seguenti recapiti:

Tel.: 0831/849419, sito internet  www.gpu-passioneoria.it, e-mail: pinto.emilio@libero.it

Siamo certi che questa iniziativa contribuisce ad incrementare le potenzialità dell’offerta turistico-culturale della Città di Oria, che mira a destagionalizzare i flussi turistici al fine di avere un turismo diffuso durante tutto l’anno.

COMUNICATO:

 

La Città di Oria  e la Sacra  Rappresentazione della PASSIONE

 

    Sulle ultime propagini delle Murge si trova ORIA tra le province di Brindisi e Taranto. Secondo le antiche tradizioni tramandate da Erodoto d’Alicarnasso e da Strabone, Oria fu fondata dai Cretesi di Minos  che a seguito di una tempesta erano stati sbattuti sulle coste ioniche fondando, all’interno, Hyrìa intorno al 1200 a.C. Nel corso dei secoli ebbe diversi nomi come Orra,Uria,Ureto ed infine Oria.

Fù capitale della Messapia e nel 275 a.C. fu conquistata dai Romani che la dichiararono Municipio Romano (90 a.C.). Dopo la caduta dell’Impero Romano d’Occidente fu sottomessa ai Greci,ai Longobardi,ai Bizantini e subì assedi e saccheggi da parte dei Saraceni. Divenne tra il IX e X sec. una fiorente Colonia Ebraica. Nel 977 fu conquistata dai Normanni e successivamente dagli Svevi. Tra il 1225-1233, l’Imperatore Federico II  fece edificare nella zona più alta della città l’imponente castello dichiarando Oria, città demaniale. A Federico II successe Manfredi  che represse nel sangue la ribellione agli Svevi ove pagò con la vita l’eroico Tommaso d’Oria. Dopo gli Svevi, Oria passo sotto la dominazione degli Angioini e degli Spagnoli. Il feudo di Oria, divenuto Marchesato, fu venduto da S.Carlo Borromeo per quarantamila ducati. Nel 1575  il marchesato di Oria fu acquistato dagli Imperiali di Genova che lo tennero sino al 1789, quindi passo sotto i Borboni.

Durante il Risorgimento, l’idea dell’unità d’Italia coinvolse l’intera città, mentre durante la II guerra mondiale, Oria venne occupata dai tedeschi e successivamente liberata dalle truppe  alleate.

Oggi, Oria è una ridente cittadina di circa 16.000 abitanti centro di importanza turistica per i suoi beni monumentali ed ecclesiastici.

Oria è, anche, Sede Episcopale dal 1591 in seguito alla separazione dalla Diocesi di Brindisi e la sua antica tradizione cristiana parte sin dai tempi della Evangelizzazione Apostolica.

Un omaggio alla sua storia millenaria e alle sue tradizioni  è costituito da vari appuntamenti religiosi che ogni anno si ripetono tra la pietà e la devozione popolare. Uno di questi è la sacra rappresentazione storico-religiosa La Passione“, figlia dell’antica tradizione religiosa di cui gode Oria.  Il  dramma sacro della “Passione”  ha avuto origine in Oria, con alterne vicende, intorno agli anni ’30 e ciò si può dedurre da un testo manoscritto del 1915. La rappresentazione veniva proposta scenicamente  in ampi locali prima e, dopo in teatro sino agli inizi degli anni ’70. Negli anni ’80 fu rappresentata da varie Compagnie Teatrali locali e dalla Pro Loco che la riproposero per le vie della città sino agli inizi degli anni ’90. Dopo alcuni anni e, a partire dal 1995, al fine di non far scomparire una tradizione oramai radicata nella Città, la Passione venne rappresentata  nel centro storico di Oria, dall’Ass. Gruppo di Promozione Umana e dal 2008 presso l’Ist. dei PP. Rogazionisti (all’aperto) ove ancora oggi è rappresentata.                                                                                                           La sacra rappresentazione organizzata e diretta dallo stesso Gruppo, si tiene ogni anno nella Domenica delle Palme,quest’anno il 24 marzo 2013 alle ore 19,30, ed è diventata, oramai, un appuntamento che fa da preludio ai Riti della Settimana Santa. La drammatizzazione ripercorre le fasi salienti della Passione di Cristo,dalla preparazione della Cena Pasquale sino alla suggestiva scena della Crocifissione,Morte di Gesù e Deposizione dalla croce. Per approfondire la storia della Sacra Rappresentazione, questo Gruppo ha pubblicato il libro La Passione di Cristo in Oria:dalle origini ai giorni nostri,dal teatro alla strada a cura dello storico locale Prof. Luigi Neglia

 Particolarmente curati sono i colori delle luci, gli effetti sonori, le musiche, i costumi, la scenografia e la drammatizzazione; esse si fondono e si intrecciano al fine di creare nello spettatore un phatos emotivo. Oltre duecento personaggi prendono parte alla rievocazione,senza distinzione di età e, sia gli attori protagonisti che le comparse non sono professionisti, essi vengono scelti tra la cittadinanza in modo da avere una larga partecipazione popolare.

Oggi viene utilizzato un nuovo testo scritto da E.Pinto a seguito di ricerche e studi su testi della tradizione locale e su vari testi sacri, ed è stato adattato insieme ad una equipe del gruppo, alle esigenze organizzative e scenografiche della sacra rappresentazione.

Dall’anno 2000, l’Associazione aderisce all’Ass.ne Internazionale “Europassion” con sede a Ligny(B) ove aderiscono varie Associazioni di 14 Paesi Europei che rappresentano scenicamente la Passione ed,inoltre, è fondatrice della sezione italiana di “Europassione per l’Italia” con sede a Roma che ha lo scopo di valorizzare il patrimonio religioso delle sacre rappresentazioni.

Al fine di tutelare e preservare le sacre rappresentazioni per l’alto valore storico,culturale, popolare e devozionale, il Gruppo di Promozione Umana con l’Ass. Europassione per l’Italia è impegnata in un progetto tramite il Ministero dei Beni Culturali che mira a far riconoscere le sacre rappresentazioni da parte dell’Unesco come “Patrimonio culturale immateriale dell’umanità”.

Info: www.gpu-passioneoria.it , pinto.emilio@libero.it, Tel.0831849419

Emilio Pinto

Tags: